Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘voto’

Viviamo in una società in cui l’interesse per la politica è limitato, scarso e in molti casi assente.
Nascendo, noi di Potere al Popolo!, abbiamo rivendicato una “diversità” rispetto a questa rassegnazione; non non agevoliamo il compito di chi trasforma la crisi della partecipazione in uno strumento di dominio e asservimento delle classi subalterne.
Nascendo, noi di Potere al Popolo!, abbiamo proclamato la nostra consapevolezza. “Facciamo tutto al contrario”, abbiamo detto.
Bene. Stasera si chiude per la nostra organizzazione uno di quei momenti in cui siamo chiamati a dimostrare che non facciamo chiacchiere, ma fatti. A dimostrare che noi partecipiamo, perché sappiamo che non basta militare, discutere, dare un contributo d’idee e poi fermarsi. Sapiamo che questo è un processo incompiuto che si compirà – e sarà così “diversità” – solo se oggi dimostreremo di avere volontà e capacità di giungere alla decisione.
Scegliere è parte integrante e decisiva della “diversità” di un gruppo informato, che propone e promuove. Un gruppo che non sta in campo per decisioni piovute dall’alto, ma si orienta e si muove decidendo dal basso.
Per rispetto di noi stessi e dei nostri compagni di lotta.
Per non farci trovare impreparati e incerti al passaggio di un guado cruciale.
Perché il mondo non lo cambi, se non sei pronto a dire le tua chiaramente e fino in fondo.
Perché abbiamo scelto un modello organizzativo e vogliamo dargli il massimo della legittimazione.
Perché sui numeri, infine, ci misureranno avversari e nemici.
Per questo e per mille altri motivi,
compagni, VOTIAMO

classifiche

Read Full Post »

In inglese, che, com’è noto, da novembre è la lingua ufficiale del governo italiano, si dice “spending review“. Non è una novità del tecnici. Sta per l’ormai politicamente scorretta “razionalizzazione” e nel linguaggio corrente di chi non conosce gli agi della “Bocconi” e l’oro di Banca Intesa, significa semplicemente “tagli”. Per l’ex ministro Gelmini – che delle sforbiciate di Tremonti fu la spietata esecutrice, la scuola non è in grado di sostenerne di nuovi, ma il governo è di parere contrario. Trincerandosi dietro cortine fumogene e miserevoli giochi di parole, dichiara di voler “valorizzare le risorse”, ma si prepara di fatto a tagliare, dimenticando la sbandierata “centralità dell’istruzione”.
Nessuno è in grado di prevedere quanto ancora durerà la paralisi dell’intelligenza critica causata dall’uscita di scena di Berlusconi, ma il quadro è sempre più allarmante. Celebrati i mesti funerali della Sanità pubblica, un Paese in lutto assiste impotente ai ripetuti suicidi di disperati senza futuro, mentre il governo si accinge ad assestare il colpo di grazia alla scuola. Tra i cacciabombardieri e la formazione della nostra gioventù la banda Monti, sostenuta dall’inedito trio Alfano – Bersani – Casini, non dimostra incertezze e riduce nuovamente i fondi per la scuola, rivelando così le nascoste finalità del suo programma: garantire il profitto e cancellare i diritti.
Non bastassero tasse, balzelli, pensioni ridotte a un miraggio, figli eternamente sfruttati o disoccupati da aiutare, a piegare la debole resistenza dei docenti pensano l’umiliazione di stipendi da fame, la prussiana bandiera di un efficientismo quantitativo, sterile quanto mortificante, lo strapotere dei dirigenti, la pagella per i docenti, la congerie di sterili adempimenti burocratici e, dulcis in fundo, l’Invalsi e la valutazione immediata di quell’investimento sul futuro che si chiama insegnamento, di cui, intanto, si sta cancellando la libertà.
La democrazia è a rischio. E’ tempo di prenderne atto, cogliendo i segnali deboli, ma univoci che ci vengono dall’Europa. Dopo il voto, i giornali del potere propongono un’analisi strumentale e irrazionale degli avvenimenti greci, francesi e tedeschi, per farci temere il rischio incombente di una neonata opposizione degli estremi, per indurci a credere che uscito di scena Sarkozy, indebolita la triade che strangola la Grecia e la Merkel che perde ovunque i tedeschi votino, insomma, battuta l’Europa iperliberista, ci attendono il caos, la valanga antisistema, il trionfo dell’antipolitica. E’ una menzogna da cui guardarsi e la scuola può avere in questa decisiva battaglia un ruolo fondamentale. Portiamo in classe i giornali, confrontiamone le analisi con la lezione che viene dalla storia, dalla Carta Costituzionale, dal Manifesto di Ventotene, dagli obiettivi della Resistenza europea al nazifascismo, leggiamo loro la legge Bolkestein e paragoniamola allo Statuto dei lavoratori. Abbiamo mille strumenti didattici per spiegare ai nostri giovani che il voto degli elettori europei non alimenta una pericolosa forza antisistema, che fa paura e distrugge speranze e vite umane. E’ il contrario: quel voto mette in discussione l’illegittimo potere della finanza come espressione di un pensiero unico, dice no a chi ci terrorizza con un debito che non abbiamo contratto e dovremmo pagare, mette in crisi quel tanto di democrazia conquistato col sangue nella lotta di liberazione dal nazifascismo. Spieghiamo loro cos’era l’Europa dei popoli, così che capiscano che quello di ieri è stato un voto europeista contro populismo e autoritarismo. Francesi, greci e tedeschi, non chiedono nuove frontiere e divisioni, ma un’Europa veramente unita, che sottometta la finanza ai diritti dei cittadini. Deve essere chiaro soprattutto che quando diciamo finanza, diciamo destra estrema e non di rado fascismo. Il voto di ieri, perciò, non va contro l’Unione Europea, ne chiede semplicemente un’altra. Quella vera: l’Europa dei popoli.

Uscito su “Fuoriregistro” il 7 maggio 2012 e su “Paese Sera” l’otto maggio 2012

Read Full Post »