Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘Statuto del lavoratori’

Ricevo, volentieri pubblico e domando una firma chi legge. Mi preoccuperò di comunicarla personalmente ai redattori dell’appello.
I padroni utilizzano la scuola avendo chiari due obiettivi:
a) senza una buona scuola gli uomini si lasciano facilmente ingannare;
b) la scuola è un luogo in cui è facile attaccare i diritti di tutti, colpendo apparentemente solo quelli di pochi. E’ opinione diffusa, infatti, che gli insegnanti siano solo dei fannulloni privilegiati. Nessuno perciò è solidale con loro.
Penso che tutti dovrebbero firmare.

———-
Appello-petizione per l’abrogazione del decreto 356. Rispetto per la scuola e per i diritti di chi lavora!

I precari iscritti nelle graduatorie ad esaurimento denunciano con questo testo-petizione, lo stravolgimento delle regole in base a cui è stato espletato l’ultimo concorso a cattedra – regole allora difese strenuamente, per quanto inusitate, dal Ministero e dal TAR – operato con l’emissione del decreto 356 dello scorso 23 maggio, e ne chiedono il ritiro immediato. Non vogliamo negare i diritti di nessun precario, ma crediamo che la certezza minima del diritto sia da riconquistare e riaffermare, in questo Paese, perché altrimenti sarà la guerra di tutti contro tutti, il che andrà ad esclusivo beneficio di chi ha interesse a massacrare lo Statuto dei Lavoratori e a renderli ricattabili e schiavi.
Quel che torna utile, oggi, a una categoria di precari, sarà ritorto contro la stessa domani, a seconda delle opportunità elettorali, politiche o economiche. E’ inaccettabile! I diritti non sono variabili del mercato né merce di scambio! Siamo stanchi di combattere per rivendicare il nostro sacrosanto diritto all’assunzione a suon di ricorsi, controricorsi e logoranti iniziative di lotta (ormai siamo in piazza costantemente dal 2008). Per di più, l’Europa, quella stessa che ci imporrebbe le manovre “lacrime e sangue”, obbliga il nostro Paese, minacciando salate multe, ad assumere quanti abbiano stipulato almeno tre contratti di lavoro continuativi (Direttiva n°70/1999CE).
Basta con gli scontri tra disperati! Devono ridarci tutte le cattedre e le ore tagliate dalla nefasta Gelmini e devono assumere chi da lustri, con abnegazione, garantisce alla scuola pubblica la possibilità di andare avanti… “sgarrupatamente”! Sul futuro del Paese non si improvvisa e non si scherza! Siamo il solo Paese che, insieme all”Estonia, ha tagliato sull’istruzione anziché investire!

INVITIAMO TUTTI GLI INTERESSATI A FIRMARE LA PETIZIONE, A TITOLO PERSONALE O CON LA SIGLA DEL GRUPPO EVENTUALE DI APPARTENENZA, E A DIVULGARLA, NON PER “DELEGARE” AI LORO REDATTORI LA LOTTA, MA PER CONFERIRE ALLA LOTTA COMUNE MAGGIORE FORZA E INTENSITA’. GRAZIE.

TESTO DELLA PETIZIONE:

Poche ore prima dalla tornata elettorale che ha visto il partito del ministro Giannini, il partito dell’austerity e dei sacrifici inutili e unilaterali, subire una pesante sconfitta, il sottosegretario alla P.I. Fusacchia rendeva noto il testo di un atto amministrativo destinato a sconvolgere i difficili assetti ed equilibri del variegato mondo dei precari della scuola. Il decreto in questione, l’ormai famigerato D.M. 356, è stato effettivamente pubblicato, poi, nella tarda serata di venerdì 23 maggio. L’unico articolo di cui esso consta, crea dal nulla una nuova graduatoria di aspiranti al ruolo, individuandoli in quei candidati che hanno superato le prove relative all’ultimo concorso a cattedra, ma che non si sono collocati in posizione tale da risultarne vincitori.
Il decreto sconfessa e stravolge quanto previsto dal bando del concorso stesso, il Ddg. n. 82 del 24 sett. 2012, che, all’art. 13, fa riferimento ai soli vincitori del concorso quali destinatari legittimi di una proposta di contratto a tempo indeterminato. Le stesse obiezioni sollevate dai molti ricorsi che fioccarono, all’epoca, contro il bando, e che sottolineavano la sua incompatibilità con il Testo Unico, furono nella maggior parte dei casi respinte dal TAR, sulla base della presunta necessità di assegnare a docenti “meritevoli” i posti in palio (un numero risibile!), senza dare adito alla formazione di nuove liste di precari.
Appare dunque sconcertante, nella sua incoerenza, oltre che inusitata, la rettifica del bando di un concorso – già fatto oggetto di denuncia, a suo tempo, da parte dei precari, in quanto assurdo e mortificante – che è stato ormai espletato con regole fissate e accettate tanto dai partecipanti quanto da quelli che, invece, non vi hanno preso parte proprio in ragione del fatto che esso non prevedeva l’inserimento in una Graduatoria e che, inoltre, non era abilitante. Non solo. Il decreto 356, con la sua sospetta tempistica, è stato emesso a conclusione delle operazioni di aggiornamento delle Graduatorie ad esaurimento, cioè dopo che molti precari hanno già scelto la provincia in cui trasferirsi pur di ottenere il ruolo, calcolando la propria posizione sulla base dei posti riservati ai soli vincitori del concorso. Il nuovo capovolgimento di regole, ora, rischia di vanificarne il sacrificio non lieve!
I precari proscrivono con fermezza questa modalità operativa del ministero, che piega il Diritto alla necessità di demolire funzionalmente i diritti dei lavoratori, che calpesta la professionalità dei docenti, illusi, allettati o esclusi a seconda delle circostanze e delle congiunture politiche, e che scatena guerre “all’ultimo posto” tra diverse categorie di insegnanti parimenti sfruttati, mentre vengono prospettati tempi biblici per l’assorbimento di chi garantisce il funzionamento della Scuola da più lustri (i 10 anni di cui parla il ministro sono un’eternità: molti docenti rischiano di “morire” precari!), e vengono colpevolmente disattese le direttive di quell’Europa verso cui il ministro Giannini si è proiettata, e che impongono la stabilizzazione del personale che abbia stipulato tre contratti consecutivi di lavoro (70/1999CE).
Considerando, dunque, l’effetto destabilizzante e gli iniqui portati del provvedimento in oggetto, nonché la drammatica condizione in cui versa la Scuola Pubblica, che di certo non ha bisogno di nuovi conflitti, a detrimento della continuità e qualità della didattica, chiediamo con forza il ritiro immediato del decreto 356 e l’avvio di quel processo di “normalizzazione” e uniformazione del reclutamento che i precari inseriti nelle Graduatorie ad esaurimento invocano da tempo, assieme al ritiro dei feroci tagli effettuati nel 2008, che è il presupposto-base di ogni piano di recupero e valorizzazione della Scuola Pubblica Statale, la Scuola che garantisce la mobilità e la giustizia sociale, l’inclusione, il pluralismo, l’emancipazione di tutti.
Vogliamo regole certe e certezza dell’assunzione per tutti i precari!

Coordinamento Precari Scuola di Napoli
Precari organizzati di Torino
Precari Uniti contro i Tagli – Roma

ADESIONI:

Giuseppe Aragno, docente in pensione, storico

Read Full Post »

C’è la crisi, si dice, e pare tutto chiaro. Al buio, però, sullo sfondo, c’è qualcosa di “non detto” o forse d’indicibile e sul proscenio la luce inquadra un’altalena: oggi chincaglierie scintillanti vendute come gioielli ai creduloni, domani cadute di stile ripetute e negate col sorriso innocente e i toni pesanti di chi cerca la guerra. Nulla di più vicino all’inquietante paradosso di Orwell: “Il linguaggio politico è concepito in modo che le menzogne suonino sincere, l’omicidio rispettabile e l’aria abbia parvenza di solidità”.

A scuola, dopo i tagli, ecco, fatale, la “ristrutturazione aziendale”, ma il Ministero gioca tutto sulle parole della “narrazione” e i funzionari, pena la testa, aprono di concerto il fuoco di sbarramento: c’è una “logica gestionale dell’accorpamento”, fa il Solone di turno, ma è il funerale di Stato della didattica; occorre ripensare la “geografia dei plessi”, sentenzia solenne il solito “esperto”, che ha “studiato il sistema” e dà numeri certi: se si “smistano” bambini di prima elementare nelle classi terze della media “comprensiva”, la maestra malata non c’entra nulla e nemmeno i soldi mancanti per una supplente. Non si tratta di crisi: è un modo di ripensare “l’amministrazione del fare”. In questo contesto, i sottosegretari all’Invalsi studiano i criteri di valutazione d’azienda, in base a tecniche rivoluzionarie: una gestione seria della formazione che riduce all’osso le risorse economiche, solleva l’animo di quelle umane, afflitte dalla monotonia del posto fisso. Flessibilità! Sì, ne occorre ancora molta e c’è quella buona, quella cattiva, quella in entrata e quella in uscita. Flessibilità: è la chiave della ripresa.

Per quanto occultato dalla neolingua, il non detto talvolta traspare e, a ben vedere, si legge chiaro nell’ethos che muove il ministro Fornero e il suo vice, Martone, fiori di serra di quell’università ove regnano incontrastati merito e democrazia: “Andremo avanti comunque!”, è la filosofia. Anche qui, se prendi Orwell come punto di vista, la scienza della comunicazione fa un’ottima prova e dopo i pensionati che hanno miracolato l’incontrollabile spread, salvando l’Italia degli evasori, dopo l’investimento “mirato” su un manipolo di farmacisti che ci avvia alla crescita finalmente e salva i giovani disoccupati, ecco, solenne, l’ora del mercato del lavoro. Un fuoco d’artificio orchestrato da pattuglie di geni, il soliti minuetto ai limite dell’indecenza, tutto dichiarazioni e smentite, e infine il perno del programma in una vocazione: “toccare i tabù”.

Per chiudere la stagione del conflitto tra capitale e lavoro, Marchionne non ci ha pensato due volte: ha messo alla porta il sindacato e ci ha ricondotti all’Italia “più avanzata del mondo”: quella fascista di Bottai. Tuttavia, se resta in piedi l’articolo 18, prima o poi, la Fiat dovrà ingoiare il rospo e “riassumere” gli iscritti alla Fiom, che tiene accuratamente fuori i cancelli di Pomigliano. Fornero e Martone hanno il compito d’impedirlo. E’ quello il punto: schiacciare i diritti. Di qui le chiacchiere da neolingua sul rapporto inesistente tra crisi e Statuto dei lavoratori, mentre si vuole una Carta del Lavoro e un’idea di gerarchia. Dietro i fumogeni della trattativa, la decisone è presa: un arbitrato, la beffa d’un indennizzo economico e il limite invalicabile della proprietà: la giusta causa dell’impresa è quella dei padroni.

La scuola è avvisata: pensare è pericoloso, c’è bisogno di giovani “cinesizzati” per far concorrenza ai cinesi. In un mondo globalizzato, formare cittadini è sovversione. In quanto ai sindacati, Fornero non ha tempo da perdere con la cantilena sulla concertazione e lacrime ne ha già versate: è ferma su posizioni che hanno radici antiche nella nostra storia: basta lotta di classe, “il sindacalismo, per essere una forza viva dello Stato, deve uscire dagli accampamenti demagogici e dagli atteggiamenti ringhiosi contro il capitale”.

Non c’è membro di questo governo che non metterebbe la firma sotto queste parole. Monti in testa. Questa, però, non è neolingua e Orwell non c’entra nulla. E’ il linguaggio attualissimo del “Popolo d’Italia” nel gennaio del 1929. Dopo la parentesi buia di Gino Giugni e Giacomo Brodolini, la firma pare tornata di moda: Mussolini.

Uscito su “Fuoriregistro” l’8 febbraio 2102.

Read Full Post »