Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘socializzazione’

Non ci sono possibilità di dubbi, letture di parte o interpretazioni personali. Oggettivamente la condizione d’emergenza, certificata dagli atti del Governo e testimoniata dalla situazione tragica in cui versa il Paese, rende la disoccupazione una questione di importanza primaria a livello nazionale. Difendere l’occupazione, mentre la pandemia fa strage di posti di lavoro, ha un’importanza vitale ed è una questione che non può esser lasciata in mano all’interesse privato. Siamo al punto che il Governo esita a giungere al lokcdown, prendere il solo provvedimento capace di far fonte alla pandemia dilagante, per evitare che la disoccupazione aumenti e ci travolga. Non impone il lockdown, per evitare che le aziende chiudano, mettano sul lastrico i lavoratori e aprano una crisi dalle conseguenze drammatiche.
In questa situazione la Whirlpool, una multinazionale, decide di chiudere un’azienda che può tranquillamente stare sul mercato, mette sul lastrico centinaia di persone e il Governo, lo stesso che ha bloccato i licenziamenti, che fa? Il Governo balbetta.
Nel caso non se ne ricordino sarà bene ripetere a Conte e compagni ciò che la Costituzione prevede per far fronte a questa emergenza:
“A fini di utilità generale la legge può riservare originariamente o trasferire, mediante espropriazione e salvo indennizzo, allo Stato, ad enti pubblici o a comunità di lavoratori o di utenti determinate imprese o categorie di imprese, che […] abbiano carattere di preminente interesse generale.”
In termini più chiari, nel dibattito alla Costituente il socialista Gustavo Ghidini spiegò “che l’interesse superiore della collettività può consigliare la socializzazione indipendentemente da qualsiasi altra considerazione particolare”.
Inutile girarci attorno. Conte ha un obbligo e non può sottrarsi: deve mettere alla porta la Whirlpool e tutelare i lavoratori.

classifiche

Read Full Post »