Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘Napoletano di Merda’

napoletani di merdaNon c’è dubbio De Magistris e Napoli danno ormai terribilmente fastidio.
Stanotte un eroico integralista di casa nostra ha tentato di dare alle fiamme il portone di Palazzo San Giacomo, sede del Comune. Se l’attentato sia di marca araba, turca o italiana, probabilmente non sapremo mai. E’ certo, però, che, per spiegare il colpo, il misterioso attentatore ha pensato bene di lasciare un messaggio ch’è un vero poema. Intanto quel “Caro napoletano di Merda” che, scritto com’è, con la merda maiuscola, o è figlio di analfabeti, o un effetto-specchio o, peggio ancora, è segno di un freudiano e inconfessato rispetto. Scompiscia, poi, il successivo “vigliacchi”, scritto nell’ombra, con una paura fottuta e l’eroica firma che non c’è, come accade ogni volta che un Capitan Fracassa se la fa addosso.
In vista delle elezioni, comunque, il segnale conforta: tra le eroiche fila avversarie – ma forse sarebbe meglio dire nemiche – il panico cresce a vista d’occhio e i nervi sono già saltati. Come spiegare, sennò, il nervosismo crescente che ha contagiato persino il Questore? Fosse stato sereno, l’altro ieri sera, poche ore prima dell’attentato, non avrebbe impegnato in una carica a dir poco dissennata un intero esercito di carabinieri e poliziotti, solo per fermare una pacifica manifestazione di cittadini inermi, che intendevano consegnare un ironico e innocuo messaggio a un amico di Renzi e degli amici di Renzi. Forse la Questura ha troppi poliziotti in servizio e non sa come usarli? O s’è irritata per il significato del messaggio, debitamente firmato e limpido come acqua sorgente: la città decide da sola?
Caro Questore, e carissimo integralista attentatore, mettetevelo in testa e fatevene una ragione. E’ proprio così: Napoli decide del suo destino e, aggiungo io, non si lascia intimidire né da questurini che lasciano circolare gli attentatori e manganellano i cittadini, né da attentatori e piromani che agiscono indisturbati al soldo di inconfessabili interessi.

Read Full Post »