Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘gas’

Inmate_at_the_Rab_concentration_camp

Prigioniero degli italiani internato ad Arbe

«A Pola c’è l’Arena, a Pisino c’è la foiba: in quell’abisso vien buttato chi ha certi pruriti». Sono queste le parole minacciose e rivelatrici del «Canto dei fascisti di Pisino», ma non c’è più nessuno che ricordi: le camicie nere utilizzarono le foibe per farvi sparire avversari politici slavi. Nella sua Storia della rivoluzione fascista lo scrive e se ne vanta lo squadrista istriano Giorgio Alberto Chiurco.
Se, messa da parte la camicia nera ancora puzzolente del gas utilizzato per le stragi etiopi, fossimo andati come in pellegrinaggio, col capo cosparso di cenere, a chiedere perdono agli slavi per l’italianizzazione imposta col terrore, forse capirei una festa della riconciliazione o una giornata dedicata alla memoria condivisa. Un giorno del ricordo di parte mi pare invece una manomissione delle coscienze.
Noi non abbiamo mai chiesto scusa ai nostri vicini per i paesi bruciati col lanciafiamme assieme alla popolazione inerme nell’intento di togliere ai partigiani di Tito il sostegno della popolazione. Eppure quell’orrore viene fuori terribile e chiaro dalle lettere censurate dall’esercito: «non si sa se dobbiamo combattere i civili o i militari», confessavano i soldati ai parenti. «Siamo costretti a prendere d’assalto le case […] costretti ad usare dei lancia fiamme per bruciare delle case dove dentro c’era gente che non ha voluto farsi prigioniera e poi è morta bruciata».
Non abbiamo mai consegnato ai giudici Graziani, Badoglio, Robotti, Roatta e gli altri nostri criminali di guerra, restituendo così all’Italia la dignità che il fascismo le aveva tolto. Non ci siamo mai apertamente vergognati per la guerra portata in Jugoslavia dietro i tedeschi che non l’avevano dichiarata, per Lubiana circondata di filo spinato nel corso di una notte, per le migliaia di uomini rastrellati, per le donne e i bambini rinchiusi a Fraschette di Alatri e a Gonars solo perché slavi. Per quella gente sparita per sempre, non ci siamo vergognati e non abbiamo mai chiesto la carità del perdono per i morti di Arbe, seppelliti in tombe a più strati, in modo che nessuno potesse contarli, mentre morivano di stenti con una frequenza superiore a quella degli internati di Dachau e Buchenwald.
Se mai giungeremo a confessare le nostre terribili colpe, prima di rimproverare agli altri quelle di cui siamo stati i responsabili morali, allora sì, allora forse una giornata dedicata al ricordo condiviso potrà avere senso. Oggi no. Oggi è una tragica farsa.

classifiche

Read Full Post »

Da tempo la forza dei sindaci fa paura a chi ci ha trascinati nella miseria e c’è solo un modo per indebolirli: trasformarli in bersaglio della rabbia popolare. Ti taglio le risorse, i problemi marciscono e tu sei responsabile di tutti i mali. Per le strade dissestate, per i disabili maltrattati, per i mezzi pubblici che non ci sono, per tutto ciò che non va – tuonano i giornali dei padroni, aizzando la piazza – per tutto quello che ha combinato il governo dei padroni, ecco i colpevoli: i sindaci.
La forza dei sindaci dipende anche e soprattutto dalla capacità di riflettere di chi li ha votati. Prima di marciare compatti sui palazzi municipali, fermiamoci a pensare e ricordiamo che chi oggi punta il dito, ieri accumulava debiti, scialacquava e vendeva la città a faccendieri e malavitosi. Cambiamo il bersaglio, indirizziamo i colpi sugli amici di Marchionne, sui complici dei padroni, sul PD e sui servi sciocchi dell’UE.
Non abbocchiamo all’amo e ragioniamo. Se a Melendugno, i sindaci sono stati manganellati, una ragione c’è e la gente l’ha capito…

———-

Dove sono i microfoni e i giornalisti, i cronisti d’assalto e le colonne di prima pagina che puntano il dito? Perché per le cariche di Melendugno non si chiedono Commissioni d’inchiesta? Quando si parla di violenza sovversiva per un pugno di giovani, stanchi di subire angherie, ci vorrebbe poi, se non altro, il coraggio della coerenza e bisognerebbe chiedere conto al Governo della scene vergognose che si tenta di ignorare e coprire.
Quali interessi toccano i manifestanti di Melendugno, per costringere Gentiloni, proconsole dell’Europa, non solo a mettere in campo le forze antisommossa in difesa della «Trans Adriatic Pipeline-Tap», ma a passare a vie di fatto contro i noti e pericolosi bolscevichi salentini, travestiti da sindaci con fascia tricolore? Perché si applica alla Puglia il modello di violenza di Stato sperimentato in Val di Susa contro la No Tav? E quanti secoli di galera, grazie all’uso sapiente del Codice fascista di Rocco, si sommeranno assieme alle manganellate sulle spalle di cittadini onesti per insegnare a tutti gli altri che bisogna obbedire, credere e combattere? Se qualcuno non l’ha capito, lo sappia: qui da noi ormai chi si oppone alla continua, inaccettabile espropriazione dei diritti, o impara a star zitto, o  rischia percosse e galera. E se si tratta di intere collettività, meglio mettere in conto l’esproprio delle risorse: il PD non ti manda soldi – né romani, né europei – e ti seppellisce sotto il peso di debiti che non hai contratto.   
Senza pretendere di improvvisare lezioni di storia, val la pena di ricordare che l’Azerbaigian, il Paese da cui giungerà il gasdotto che mette sottosopra il Salento, è giovane – si è staccato dall’URSS nell’ottobre del 1991 – ma ha un singolare record: nel 1848, a Baku, vi è nato il primo pozzo dell’Europa contemporanea. Chi conosce la storia sa che quando dici petrolio, dici guerra ed è certo perciò che lì, a Baku, in Azerbaigian, ha origine l’infinita sequela di guerre e di tragedie legate al possesso dell’«oro nero». In questo senso, c’è una verità che non si dice: a San Foca non sbarca solo un veleno sul quale tra qualche decennio si porrà la pietra tombale del segreto di Stato. A San Foca sbarcano la guerra e suoi obiettivi, quella guerra nella quale siamo dentro fino al collo nonostante la Costituzione; sbarca un colpo assestato alle energie alternative e sbarca quel modello autoritario di gestione dei beni comuni che l’Unione Europea, garante di interessi inconfessabili, impone all’Europa dei popoli che non rappresenta. Popoli che ormai – anche questo è bene dirlo chiaro – hanno ormai nei Consigli Comunali legalmente eletti il loro autentico Parlamento. Un Parlamento  che ha sede nelle piazze. Al momento, la sola, vera casa della democrazia.
Qualcuno si chiederà che c’entra la guerra. C’entra. I più giovani non lo ricorderanno, ma la guerra ci accompagna ormai dal lontano 1991, da quando in Iraq scatenammo i Tornado. E’ la guerra per le risorse energetiche, non solo il petrolio, ma il gas, i cui fronti insanguinati conducono all’immenso macello mediorientale, alla tragedia libica e a quella siriana. Questo sbarca a San Foca. Conflitti di cui gli immigrati sono vittime quanto gli impotenti manifestanti di Melendugno, perché storicamente, nello scontro tra imperialismi contrapposti, ci possono essere dubbi sui vincitori, ma c’è una certezza: perde sempre la gente, perdono i lavoratori, i precari, i disoccupati e perde la democrazia. Si pensò all’Unione Europea per evitarle le guerre e battere i fascismi, ma di guerre se ne fanno oggi più di quante non se ne facessero prima di Maastricht. In quanto ai fascismi, con i soldi di Bruxelles si tiene in piedi il nazismo in Ucraina.
Si dirà che l’«oro nero» non c’entra, perché il sensibile spostamento verso le energie rinnovabili sta riducendo il peso relativo del petrolio, ma non è vero. Basta poco per capire che guerra e risorse vanno di pari passo nella storia dell’uomo, sicché c’è sempre uno stretto dei Dardanelli che uno chiude e l’altro forza. In questo senso, il conflitto siriano, cui più di ogni altro è legata la partita su gas e petrolio, non è una «guerra nuova»; dietro ci sono gli idrocarburi sepolti in tre giacimenti al largo delle coste siriane, che, sommati alle risorse presenti in un’ampia rete di giacimenti mediterranei, costituiscono un’opportunità per abbattere la subordinazione dell’Unione Europea al gas russo e aumentare l’indipendenza di Israele in tema di risorse energetiche. Altro che organismo sovranazionale che impedisce la guerra. A San Foca sbarca una Unione per la guerra, che va in rotta di collisione con la Russia, guarda caso, paladina di quella Siria che, nei piani di Putin, dovrebbe essere il ponte tra Russia ed Europa. Due gasdotti alternativi, insomma, sui quali non mette conto fermarsi troppo, se non per dire che noi dovremmo puntare su energie alternative e che, in perfetto stile coloniale, Gentiloni manganella i sindaci e i cittadini che li hanno eletti, per difendere multinazionali e affaristi che hanno le mani sporche di sangue.
Questo è. A questo dovremo piegarci o disobbedire. Se dalle piccole storie locali è possibile, infatti, capire la cosiddetta «grande storia», bene, Bagnoli con il suo commissariamento, i nostri ragazzi manganellati e criminalizzati, il governo cittadino costretto a vivere in apnea nonostante la sana amministrazione, sono, su scala ridotta, la prova dell’abisso morale in cui ci sprofondano il PD e i suoi complici. E’ necessario perciò che Melendugno senta di non essere sola, è necessario che i movimenti e le lotte che percorrono il Paese da un capo all’altro della penisola, si saldino e comincino a far sentire forte e alto il loro no. Non più e non solo, quindi, una «città ribelle», ma tante, tantissime realtà territoriali decise a reagire alla violenza eversiva che viene dall’alto. Abbiamo un’arma sperimentata: la Costituzione, che hanno tentato invano di cancellare. C’è ancora, invece, il colpo non è riuscito. Costituzione in pugno, quindi, diamo battaglia. E’ questa la nostra guerra. L’unica consentita e la sola che vogliamo combattere.

Ultima Voce, 30 marzo 2017

Read Full Post »

10417641_745006022259474_4035144759249105902_nOggi a Napoli operai e studenti sono andati alla stazione marittima, alla Conferenza del FEMIP dove è intervenuto Pier Carlo Padoan. Volevamo esporre uno striscione in solidarietà con i lavoratori di Terni, ma polizia e carabinieri prima li hanno caricato e poi hanno sbarrato l’ingresso.
Ma che fanno i nostri ragazzi e i nostri operai quotidianamente massacrati di botte? Nulla. Guardano lontano, vedono la Grecia sempre più vicina e urlano il loro no.
E’ perciò che lottano, lavoratori, studenti, precari e disoccupati: per se stessi e per i diritti che i nostri nonni conquistarono a costo di sanguinose lotte. E noi? Noi che facciamo, dopo le violenze della sbirraglia contro gli operai di Terni? Una giovane generazione senza futuro, i padri di famiglia colpiti nella dignità e privati di ogni tutela, i lavoratori schiavizzati, i precari ignorati, le regole calpestate, la scuola distrutta, l’università in ginocchio, la ricerca avvilita, i sindacati disprezzati e chi si azzarda a protestare, è assalito con i gas, gli idranti e le manganellate. E se questo non basta, ogni tanto da una pistola parte un colpo. “Accidentale”, s’intende, ma assassino.
Non si può più stare a guardare. E’ ora di affiancare chi lotta!

Read Full Post »

imagesDevo dirlo, pazienza se scandalizzo i benpensanti: che ipocrita e macabra commedia questa del morto che nessuno vuole!
Non voglio parlare dei macelli attuali e dell’olocausto mediterraneo che ha nomi, cognomi, indirizzi e firme di grandi e piccoli gaglioffi che esercitano il potere fuori dai vincoli costituzionali. Non voglio parlare nemmeno di nazisti protetti dai “liberatori” americani perché conoscevano bene l’arte d’ammazzare. Mi basta tornare alla generazione del feroce nazista Priebke, per dire che c’è in giro un’aria pestilenziale che incute davvero timore.
Da governatore di Tripolitania e Cirenaica, Badoglio deportò ferocemente più di centomila sventurati e li chiuse in atroci campi di concentramento nel cuore del deserto libico. Mille chilometri di marcia a tappe forzate e condizioni di vita disumane ne ammazzarono quarantamila. Contro gli Etiopi, nel 1936, Badoglio fece a gara con Graziani nell’uso di armi di distruzione di massa. Ci eravamo impegnati a non usarli mai, i gas, e li usammo contro i civili. Badoglio ordinò di farlo e i nostri soldati non si scandalizzarono. In quanto a barbarie, il Maresciallo d’Italia ebbe un solo rivale: Rodolfo Graziani, del quale c’erano ancora ricordi ufficiali in caserma, quando, nel 1967, mi misero addosso una divisa e in mano un fucile e mi ritrovai soldato a Pistoia nell’84° Reggimento Fanteria C.A.R. “Venezia”. L’aveva comandato lui, quel reggimento, il macellaio di Libia – così lo chiamavano – e s’era fatto poi fatto una triste fama per i libici lasciati morire di sete, fame e stenti, in campi di concentramento nel deserto. “Così si batte la Resistenza”, aveva detto, e s’era guadagnato un premio da Mussolini, che lo fece governatore della Cirenaica. Nella sua vita non si fermò mai di fronte a nessun crimine e nel 1935 provò a superare Badoglio nell’uso dei gas, in Abissinia, contro un nemico inerme, contro i civili e contro i feriti ricoverati negli ospedali. Nessun tedesco gli insegnò a massacrare; fu lui che fece scuola alle S.S. Quand’era viceré d’Etiopia, lasciò mano libera ai suoi uomini e nei miei ricordi personali c’è un reduce della guerra d’Africa con una foto agghiacciante: un prigioniero legato a un camion, trascinato nel deserto e fatto letteralmente a pezzi. “Un grande generale fu Graziani”, sosteneva il fascista.
Scampato a un attentato, il “grande generale” fece massacrare migliaia di etiopi. Più di 1.600 monaci furono trucidati in una sola volta assieme al loro vescovo, sorpresi nel monastero ortodosso di Debre Libanos. I nazisti non avrebbero saputo far di meglio: trascinati sul ciglio di una scarpata, a Zega Weden, e raggruppati in lunghe file, furono falciati a colpi di mitragliatrice e i cadaveri riempirono la gola di sangue e di corpi senza vita. Non contento, Graziani proseguì la sua bestiale vendetta trucidando indovini e cantastorie, colpevoli di raccontare quella tragedia. I morti non si contarono e tanti ne fece ancora come ministro della Difesa nella Repubblica Sociale Italiana, alleato dei tedeschi contro gli italiani.
Graziani non ha pagato. Nel 1953 è diventato presidente onorario del Movimento Sociale Italiano ed è morto nel suo letto, cittadino libero e innocente. L’Italia non l’ha processato, non ha fatto storie sulla sepoltura e non si è scandalizzata nemmeno quando i camerati gli hanno eretto un monumento. Nessuno ha trovato mai da ridire per le foto di Roatta che fanno bella mostra di sé nell’archivio dello Stato Maggiore dell’esercito. Nulla da dire, va tutto bene, benché Roatta abbia firmato la “Circolare 3 C”, che dichiarò guerra ai civili in Slovenia, anticipando le disposizioni criminali impartite dai tedeschi in tema di rappresaglie, incendi di villaggi, esecuzioni sommarie di ostaggi e internamenti nei nostri campi di concentramento che non ebbero mai molto da invidiare a quelli di Hitler. “Testa per dente senza false pietà”, ordinò ai nostri soldati e invano la Jugoslavia chiese poi di processarlo come criminale di guerra.
I nostri criminali di guerra non fanno schifo a nessuno. La Chiesa sta zitta, i cimiteri sono tutti aperti, i politici ammutoliscono, i giornali non hanno inchiostro e carta, i benpensanti sono a riposo e tutto va bene madama la marchesa. Badoglio, per chi non lo sapesse, ha avuto funerali di Stato con i rappresentanti del Governo, le Autorità e gli onori militari.
Questa di Priebke è una doppia vergogna. Non solo rischiamo di dare una risposta barbara a un barbaro che non c’è più, ma c’è chi pensa di farlo per mischiare le carte e lavarsi la coscienza. Piantiamola con questa commedia e affidiamo al gelo d’un marmo la parola fine: “qui giacciono i resti mortali d’un criminale nazista”. Non altro. Un corpo morto è parte integrante della vita. Solo i nazisti non ne hanno rispetto. I nazisti e gli ipocriti politicanti.

Uscito su Liberazione e su Contropiano il 15 ottobre 2013

Read Full Post »