Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘comunisti mangiabambini’

Nel silenzio assoluto della stampa di regime, il pantano puzzolente su cui si fonda l’edificio sfascio-leghista ogni tanto tracima e chi vuole capisce dove siamo finiti. Tra le perle d’una legge liberticida, il decreto sulle intercettazioni si fregia d’una stella che non ha chiesto propaganda e non cerca le luci della ribalta. Una di quelle cose lerce da accettare così come sono, perché si sa che “il nemico ci ascolta” e i “comunisti” mangiano i bambini. Così, mentre il popolo si abitua a “credere, obbedire e combattere”, l’emendamento numero 1.707 alla legge-bavaglio ci insegna la morale: esiste una “violenza sessuale di lieve entità” nei confronti di minori.
L’hanno firmato alcuni senatori di Pdl e Lega che intendono evitare l’obbligo di arresto in flagranza per chi è colto sul fatto, mentre pratica una violenza sessuale “minore” nei confronti di minori. E non si tratta d’un gioco di parole. In cosa consista la minore entità della molestia non è dato sapere, e ognuno può pensare quel vuole: sta bene palpeggiare, non è la fine del mondo se s’infila un dito… Nessuno sa, ma noti sono nomi e cognomi dei galantuomini che hanno tentato la sortita e, quando la cosa s’è risaputa, il centrodestra ha dato segnali di così chiaro sbandamento, che la ritirata ha chiamato alla mente Caporetto. Un momento, s’intende. Lo sanno tutti che Bossi ce l’ha duro e i forzisti di tosto hanno la faccia. Scattato immediato il collaudato apparato difensivo, sono piovute le dichiarazioni: “sono le solite chiacchiere della stampa comunista” hanno protestato in coro i campioni del nuovo che avanza. “Io non sapevo nulla”, hanno urlato i più sprovveduti, ma subito si sono corretti strepitando: “non ci crederei nemmeno se lo vedessi! E’ la solita propaganda dell’opposizione!” I più navigati tra i berlusconiani hanno tirato fuori la formula di rito e per loro il caso s’è già chiuso: “Ci avete voluto fraintendere”.

Il fatto è che un deputato del Pd – esistono, ci sono, abbiate fede! – ha scoperto i nomi dei firmatari dell’emendamento 1.707 e li ha affidati alla storia. Teneteli a mente:

sen. Maurizio Gasparri (PdL)
sen. Federico Bricolo (Lega Nord Padania),
sen. Gaetano Quagliariello (Pdl),
sen. Roberto Centaro (Pdl),
sen. Filippo Berselli (Pdl),
sen. Sandro Mazzatorta (Lega Nord Padania)
sen. Sergio Divina (Lega Nord Padania).

Ognuno ne tragga le sue conclusioni. Io dico solo “vergogna”, ma non ci sono dubbi: chi vota a destra, se davvero ci crede, un problema ce l’ha, soprattutto se ha figli piccoli o nipotini e lascia parlare liberamente la coscienza. Un problema ce l’ha ed è grande come una casa.

Annunci

Read Full Post »