Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘Cantata dei pastori”’

Il Comitato Anticolonialista si riuniva a Vico Zuroli, a Forcella, cuore della città malavitosa, nel reticolo stretto e buio dei cardini e dei decumani, in un palazzo nuovissimo, figlio della guerra che cambia tutto per non cambiare nulla.
Da piccolo l’avevo odiato quel palazzo perché, in una città da affollamento arabo – e araba è assai spesso la mia gente – che non ha spazi per i bambini, nel reticolo stretto e buio dei cardini e dei decumani, era venuto a cancellare un mondo. Prima che nascesse coi suoi pilastri di cemento armato, i suoi balconcini affiancati e gli ascensori silenziosi all’ingresso delle due scale, c’erano cumuli di macerie – i monti fantastici dei miei giochi infantili – pareti pericolanti e brandelli di scale d’un vecchio palazzo seicentesco sventrato pochi anni prima da una bomba dei “liberatori” angloamericani.

Su quella disperazione dimenticata correvano i miei sogni nei lunghi pomeriggi della mia prima infanzia.
Corse, capriole, battaglie tra improvvisate trincee, gare spericolate e rischiose tra gradini incerti e muri pericolanti erano il palcoscenico sul quale io e i miei compagni ci sentivamo padroni del mondo.
Ci venivano talvolta disastrate compagnie di attori e per qualche sera regalavano sogni fatti di luci e colori. Portavamo le sedie da casa, le disponevamo come si poteva nel pianoro tra i monti prodotto dal capriccio del bombardamento e dal nostro lavorio di scavo e consolidamento e a bocca aperta, perdevamo la cognizione del tempo.
Là, tra le rovine lunari prodotte dalla guerra, ho conosciuto la magia del teatro e m’è rimasta dentro – era Natale e davano la popolare “Cantata dei Pastori” – l’emozione d’un duello coloratissimo: un arcangelo velato di blu, con la spada e lo scudo scintillanti, che una fune conduceva dall’alto sino a terra, contro un drappello satanico avvolto in mantelli rossi come il fuoco, e subito messo in fuga dal trionfo della luce celeste e dalla voce fuori campo d’un Dio onnipotente che ci conquistava ed atterriva…

Se non vi siete annoiati e volete proseguire, ecco il link  che vi porta a “Canto Libre”

Come si guarda un ladro

classifiche

Read Full Post »