Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘Bruno Vespa’

libero-islamiciOra lo so. Se una bomba islamica mi ammazzerà a Parigi assieme a qualche altro sventurato, diventerò un martire. La gente indosserà una bandiera francese, accenderà lumini e canterà la marsigliese; Belpietro invocherà la vendetta e Bruno Vespa racconterà commosso la mia storia: era un vecchio studioso, amante della democrazia.
Se invece una bomba francese mi farà fuori in Siria, assieme a donne, vecchi e bambini arabi, nessuno indosserà bandiere. Non mi porteranno lumini, non si canterà la marsigliese e Bruno Vespa non racconterà la mia storia. Solo Belpietro si occuperà di me e titolerà: “così impari, infame traditore, amico dei bastardi islamici”.
Oggi, al presidio, non andrò per rispondere a Parigi che chiama dopo il macello francese. Sono cittadino del mondo, risponderò al richiamo di tutti gli oppressi e ci andrò per i morti innocenti ammazzati dall’imperialismo. Tutti. Nessuno escluso.

Uscito su Fuoriregistro e Agoravox il 16 novembre 2015

Read Full Post »

caligolaOra la legge consente a Renzi di uccidere la scuola e il fondo è ormai vicino. Lo sappiamo probabilmente sin dal lontano 12 dicembre del 1969, da quando giornali e telegiornali hanno preso a narrarci una storiella sedativa: dopo Piazza Fontana, Pino Pinelli – guarda caso, un anarchico – aprì una finestra della Questura di Milano e si lanciò nel vuoto, annunciando la morte dell’anarchia. Col tempo l’esito delle indagini è diventato verità di fede: si trattò di un «malore attivo». Un malore che non aveva precedenti e non ha avuto poi seguito, perché mai nessuno era morto così e a nessuno è più accaduto dopo. Il circo mediatico, però, storicamente sensibile alle ragioni del potere e geneticamente reticente, ha scelto di portarsi dentro i dubbi mai espressi finché la malattia d’un tratto è esplosa. La diagnosi ormai parla chiaro e la prognosi è disperata: elettroencefalogramma piatto e coma irreversibile.
La stampa italiana di oggi, non vale più di quella fascista ai tempi del Minculpop e dell’«Istituto Luce» di Ezio Maria Gray. Vespa farebbe invidia a Telesio Interlandi, che in gioventù fu la passione del fascista e poi «democratico» Mario Missiroli, Mentana aggiunge quotidianamente la «C» di complicità alle cinque «W» del modello anglosassone, riducendolo così a un WC, Travaglio uccide l’idea di politica e un esercito di pennivendoli e servi sciocchi si fa strada ringhiando ogni giorno come vuole il padrone: l’immigrato «terrorista», invece dell’Europa razzista, il «sangue dei vinti» per far strada ai picchiatori di Casa Pound sponsorizzati da intellettuali alla Rossi Doria, i «fannulloni» a copertura di un feroce sfruttamento e chi più ne ha più ne metta. Ognuno ringhia e morde, così come ai suoi tempi ripetutamente inveiva Ansaldo contro «l’ebreo Morghentau».
A farci la lezione sul merito e sulla valutazione, insomma, c’è una vera e propria fabbrica di menzogne, serva di chi comanda, che «Reporter senza Frontiere» pone generosamente al 73° posto dietro gran parte dell’Europa e molti Paesi dell’Africa e dell’Asia. Persino dietro la Colombia dei narcotrafficanti e dopo quell’Ungheria, che pure si è data apertamente leggi per controllare i mezzi d’informazione e chiudere giornali e programmi televisivi. Da noi non servono. A noi bastano giornalisti intimiditi, aggrediti fisicamente e colpiti nei beni e nelle persone; a noi basta che, come i grandi cartelli della droga, l’Isis e Boko Haram, politici e mafiosi soffochino l’informazione.
Siamo tra gli ultimi per libertà di stampa. La notizia però non «fa notizia» per i nostra media, sicché, quando si parla del massacro mediatico della scuola pubblica, la premessa sulla stampa è d’obbligo, se si vuol capire da quale pulpito viene la predica, quanto valga e dove vada a parare la difesa d’ufficio dei «velinari» al servizio di Confindustria.
Occuparsi di scuola ormai, non significa più discutere di strutture, investimenti, programmi, obiettivi, metodologia, didattica e centralità del rapporto docenti-discenti. All’ordine del giorno ci sono i dogmi della religione neoliberista, i versetti di una Bibbia fondamentalista che, allo scoppio della più grande crisi economica del mondo capitalista, consentì a monsignor Giavazzi di ringraziare il Dio della finanza: «questo – affermò impunemente l’economista – è un grande giorno per il capitalismo». Non l’hanno fatto papa, questo è vero, ma continua a firmare ricette che ammazzano i malati. E’ gente di questa levatura a far da sponda all’analfabetismo di valori che ispira la Riforma Renzi, un Presidente del Consiglio che stenta a parlare un italiano corretto ed è stato eletto solo dal «popolo delle primarie».
Tutti sanno quanto contino poco i referendum abrogativi e basta pensare alla vicenda dell’acqua per capirlo. I manutengoli delle «riforme europee» fingono però di essere preoccupati perché la scuola tenterà quella via. E’ davvero questo che li spaventa? Sono davvero in prima linea perché c’è il rischio di non poter affidare a una banda di kapò il compito di mantenere l’ordine nei campi d’internamento per docenti e studenti progettati da Renzi? Non è possibile che i propagandisti di Confindustria pensino davvero che abbiamo una scuola tutta studi umanistici e docenti attestati a difesa di privilegi corporativi. E non è possibile nemmeno credere che non abbiano letto la proposta di legge di iniziativa popolare ignorata dal Parlamento. Perché allora l’attaccano, ricorrendo a grossolane menzogne e a giudizi stroncativi che non hanno né capo e né coda? Perché non si fermano mai a discutere seriamente le obiezioni di incostituzionalità? Perché citano a casaccio le statistiche sulla scuola, falsificando i dati? Perché ignorano il deficit strutturale della nostra edilizia scolastica rispetto a quell’Europa che ci chiede di investire mentre sono decenni che tagliamo e ci condanna per il barbaro sfruttamento del personale, imponendoci assunzioni ben più consistenti di quelle proposte da Renzi? Si tratta solo di indigenza culturale o c’entra per caso la miseria morale?
In realtà, essi temono ben altro. Hanno paura che la preannunciata disobbedienza civile negli istituti scolastici diventi pubblica e aperta denuncia dell’illegalità su cui fonda il governo Renzi. Temono che la protesta si trasformi in esplicita delegittimazione di un governo che ha moralmente e materialmente usurpato la sovranità popolare. La malafede, insomma, nasce dalla paura che la piazza esploda e si colleghi direttamente alla vicenda greca, che ha dato colpi mortali all’Europa tedesca, di cui Renzi è lo scodinzolante servo sciocco. Sanno – ed è qui il punto – che il governo naviga in rotta di collisione con un’opposizione sociale fortissima e va, pari avanti tutta, verso gli scogli della formazione rischiando il naufragio. Sanno che la vicenda greca alimenta speranze e legittima sogni. Sanno – e perciò tremano – che non si tratta di organizzazioni sindacali o partiti coi quali si scende a patti. E’ il Paese che si sveglia da un incubo, è la gente consapevole di una realtà drammatica: dopo la Grecia toccherà all’Italia e nessuno vuole farsi rappresentare a Bruxelles da un fantoccio che non sa di che parla e dalla banda di incompetenti che Renzi ha portato al governo come cavalli di Caligola.

Fuoriregistro, 19 luglio 2015 e Agoravox, 20 luglio 2015

Read Full Post »

20-12-2008
Se ne va. Un’agonia che non nega speranza alla disperazione, un silenzio più eloquente di mille parole, una successione d’eventi che non ci lascia solo le chiacchiere sull’eterna questione morale o l’inganno di luci e sogni artificiali che Natale sublima, facendo di Cristo mercato, consumo, profitto.
Vada dove gli pare, quest’anno non è venuto invano e ha torto chi dispera. Come in ogni caserma, il rancio è certamente ottimo e abbondante, la truppa marcia in riga e il morale è alle stelle. Faccetta nera non si canta ancora e la politica è sempre più malaffare, ma la Folgore ha in pugno la Campania, al Dal Molin si va come un rullo compressore e il Paese ha ritrovato l’orgoglio nazionale. Questo consegna agli archivi l’Istituto Luce, questo scrive la stampa, questo, sbattendo i tacchi, sostengono impettiti i colonnelli e questo ripetono a comando tamburini, trombettieri, porta ordini e staffette affidate alla strategia di “Porta a Porta”, a Vespa e alla tattica volpina di Riotta. Combattere non serve: per ora basta credere e obbedire e, se la vita fosse davvero ciò che appare, tra fiction, reality e talk show, non avremmo problemi: piegati i comunisti, sequestrate le mele, sterminate le vipere e controllata a dovere la costola di Adamo, l’operazione sicurezza ha messo sotto chiave zingari e prostitute e abbiamo ritrovato, moderno e rinnovato, il paradiso terrestre ormai dimenticato. Al primo posto dell’agenda politica abbiamo la difesa della vita. Qualche barbone, è vero, anarchico e sovversivo, si lascia ancora morire di fame e di freddo, ma lo fa per dispetto, per screditare la carta del pane e guastare l’immagine del ministro della salute e dello stato sociale. E’ vero, c’è chi muore di scuola e chi dopo un calvario, vorrebbe morire per dignità e rispetto di se stesso, ma il ministro ha bandito la crociata e, per difendere a ogni costo l’inferno d’una vita, cestina la Costituzione, ignora la Cassazione, minaccia apertamente i medici e medita di affamare gli ospedali. Anzitutto la vita. Come che sia, quale che sia, come comanda il Pastore tedesco. Per conto suo, la neotitolare del ministero della cultura popolare, moltiplica i pani e i pesci e, per dono celeste, fa funzionare alla perfezione una scuola messa sul lastrico dalla finanza creativa e dalla necessità di finanziare un sistema malato. Meglio davvero non potrebbe andare. E’ vero, non spendiamo un centesimo per la manutenzione, ci sono sabotatori professionali come De Angelis e i ferrovieri, sventati e fannulloni, ci mettono lo zampino con l’errore umano. Tutto vero, ma Trenitalia ci giura e bisognerà crederci: l’alta velocità è la più sicura del mondo. Riotta insiste e Vespa lo conferma: i nostri imprenditori fanno più miracoli dei santi. Il più recente è sotto l’occhio di tutti: producono miseria e disperazione, ma continuano ad arricchirsi e sono sempre più felici e più contenti. In quanto al sistema bancario, il nostro di gran lunga è il più sicuro: tutte le volte che un banchiere ruba, noi paghiamo le spese e, per amor di patria, ci rassegniamo a un aumento d’età per la pensione. Ammortizzati i colpi degli ammortizzatori sociali, siamo un popolo moderno a all’avanguardia: i giovani, tutti più o meno precari, non prenderanno mai la pensione e i vecchi pensionati hanno sacra la vita: ogni pensione costituisce il reddito dei figli e dei nipoti.
Se ne va, se ne sta andando e salutiamolo come merita, quest’anno dai mille volti. Vada dove vuole, è un’agonia che non manca di speranze nella disperazione e chi dispera ha torto. Fuori dalla caserma, è un terremoto. Noi siamo scettici e un poco tardi e lenti, ma non c’è dubbio, fuori della caserma è un terremoto. Una generazione di giovani s’è svegliata e tra i vecchi c’è chi torna a ragionare. Un vento s’è levato e soffia forte. La Grecia, cancellata dai telegiornali, continua a bruciare e non sono solo studenti. A Boston un manipolo d’operai ha aperto lo scontro e il capitale sembra vacillare, a New York gli studenti dalle parole son passati ai fatti e, tra proteste e occupazioni, scrupolosamente oscurate, la solidarietà con la protesta della vecchia Europa cresce veloce nell’ombra e fa pensare. in Spagna e in Francia la gioventù è in fermento e intercetta lungo il filo invisibile del web l’Onda che qui da noi non si acqueta e tiene testa al palazzo. Dall’Irak martoriato dalle bombe e dal fosforo bianco, la dignità, che sembrava sepolta, si leva come un fantasma di fronte a un potere insanguinato e vile e lancia tutto quello che ha, le scarpe persino, contro i potenti del mondo.
Dietro i sorrisi d’occasione, le riunioni di prammatica e l’ottimismo di facciata, tutti lo sanno bene, sfruttatori e sfruttati: i margini per una mediazione sono sempre più stretti e non ci sono minacce o lusinghe che possano cambiare il corso delle cose. La guerra senza quartiere, condotta con spietata ferocia contro i diritti e contro la speranza, non ci trova più inermi: un insopprimibile bisogno di giustizia sociale chiama a raccolta le coscienze libere in ogni angolo del pianeta. La caserma costruita per controllarci è assediata e sotto controllo. La storia non è finita e non si ferma.
Vada dove vuole, quest’anno non è venuto invano e chi dispera ha torto.

Uscito su Fuoriregistro il 27 dicembre 2008

classifiche

Read Full Post »