Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Poesia’ Category

Il vento fischia forte

Non hai più tempo ormai,
non ce n’è più, lo sai,
per mentire a te stesso,
come altre volte spesso
nella vita. Non sfuggirai alla sorte
ch’è segnata. Se il vento fischia forte
e ancora la bufera sembra urlare,
non provare a scappare
a mani in alto, senza dignità,
non sperare pietà.      
La sola tua speranza
si chiama come un tempo resistenza.

Annunci

Read Full Post »

S’avvicina il tramonto,
occhi stanchi e lucenti,
pellicole della memoria
nel viaggio della vita.
Così soli
si giunge alla fine,
che nessuno si trova cui donare
uno almeno
dei nostri mille lampi.

Read Full Post »

Testimone d’un viaggio

Penso molto
e tutto presto si perde,
come l’orma d’un piede
in riva al mare.
Scrivo poco
e se qualcosa poi resta,
né bella, né brutta,
è testimone d’un viaggio.
No, non sono stato tra voi
come un turista.

Read Full Post »

D’Europa Unita parla ogni giornale
e ogni giorno sproloquia il Quirinale:
da banche uniti e comuni radici,
liberi sono i popoli e felici.

Muore intanto però democrazia
di grave ed incurabile anemia
e l’Ellade madre di civiltà
la fame soffre e non trova pietà.

D’Europa Unita parla ogni giornale,
l’età dell’oro pare al Quirinale,
però nessuno ancora ci ha spiegato
perché l’Unione i Greci ha massacrato.

Allarme povertà in Grecia

Read Full Post »

La Gelmini cancella la cultura meridionale del Novecento? Ma come fa a cancellare una cosa di cui non conosce nememno l’esistenza? Il futuro la seppellirà sotto il peso delle sue responsabilità. In ogni caso, diamogli una mano al futuro, diciamoglielo che questi sono davvero tempi infami:

Agli storici che verranno

Catene pesanti.
La società ci lega.
Corde di canapa l’indifferenza,
luridi cenci intorno
per cui soffrire,
mendicando l’amore
senza trovarlo.
Menzogne i silenzi
paurosi di parole.
Quando più sereni
tornerete senza leggi
a cercarvi
negli antri dove fummo uomini,
ricordatevi di noi.
E senza giudicarci,
piangete.

Read Full Post »

Sacra Atene

Scriverò parole di fuoco ardenti,
ecciterò feriti sentimenti.
Verrò a dirvele in piazza viso a viso
e la rabbia esploderà all’improvviso.
Al cuore mirerò.
Nei giovani petti susciterò
parole come lame taglienti,
pensieri di ferro roventi.
Tenetele a mente,
non scordatevi niente…
e imparatelo bene:
non accetta catene
chi libero è nato
e se pare domato
servo certo non muore.
Più lo spegnete, più si fa furore,
il fuoco che di rabbia incendia Atene,
è come sangue delle nostre vene.

Read Full Post »

 Va buo’, piens’a salute,
m’a ditto pe’ telefono ‘n’amico.
Ma allora tu vuo’ sfottere? le dico.
Mò fa ‘nu mese ca stongo malate
e me mett’a pensa’ proprio a’ salute?
Ma si te dongo retta overamente,
o’ manicomio vaco certamente.
Piensece tu a’ salute, si te pare crianza,
ca mpietto teng’ancora ‘na speranza
e me voglio scurda’ de’ ‘uaie do’ munno.
Je corro appriess’e suonne.
L’e vist’a Spagna ca s’è ribellata?
Si o sole mio tramonta, ‘n’alba è nata.
Piensece tu ‘a salute, si te pare crianza.
Je mpiette tengo ancora ‘na speranza.

Read Full Post »

« Newer Posts - Older Posts »